DI BRIZZI: “UN ASSESSORE AL TURISMO SALERNITANO? NON CE NE SIAMO ACCORTI”

Quasi 600 mila turisti in meno in un anno per la provincia di Salerno e negli anni in cui la guida dell’assessorato regionale era nelle mani di un salernitano. A denunciare il fallimento delle politiche turistiche in provincia di Salerno, Valentino Di Brizzi, imprenditore del Vallo di Diano e candidato alla carica di consigliere regionale con il partito della Lega.  

“I dati diffusi dall’ISTAT – dichiara Di Brizzi attraverso una nota stampa –  evidenziano le falsità diffuse in questi anni da Vincenzo De Luca e dai suoi soldatini”. Parole dure che puntano il dito contro la politica turistica adottata dall’attuale amministrazione regionale ritenendola come l’ennesimo bluff dato che, le varie dichiarazione non trovano riscontro nei fatti.

I dati dell’istat evidenziano come dai 5 milioni e 895 mila turisti del 2017, si è scesi ai 5 milioni e 300mila del 2018. “Altro che corsa verso la crescita: – continua Di Brizzi – abbiamo assistito impotenti a una vera e propria corsa del gambero. L’ISTAT certifica un trend negativo del quale non ci meravigliamo affatto. Questi signori vivono in un mondo tutto loro, ed hanno il coraggio di sbandierare successi inesistenti, basterebbe parlare ogni tanto con gli operatori del settore turistico salernitano per rendersi conto delle tante cose che non vanno, anzi che vanno sempre peggio”.  

Occhi puntati sul dato che riguarda la provincia di Salerno territorio di provenienza dell’assessore alle politiche turistiche al momento in carica, unico territorio in cui si registra una decrescita delle presenze turistiche.  “Le altre province – sostiene Valentino Di Brizzi – evidentemente sono state attenzionate maggiormente rispetto a quella salernitana, e non oso nemmeno immaginare i dati catastrofici che registreremo nel 2020. Il bello è che tutto questo accade negli anni in cui a sedere sulla poltrona di Assessore Regionale al Turismo c’è stato un salernitano! Purtroppo gli operatori turistici del Vallo di Diano e del Cilento non se ne sono accorti: al di là delle solite politiche clientelari e degli inutili finanziamenti a pioggia, che finiscono per non lasciare alcun segno sui territori, abbiamo assistito al nulla assoluto”.  

A tal proposito porta l’esempio delle Grotte di Pertosa-Auletta il cui ingresso, dal 2014 è ancora chiuso per frana. Evidenziando come si tratta di un sito di grandissimo valore per numero di presenze turistiche il candidato della Lega rimarca sull’obbligo per i visitatori ad accedervi per ingressi secondari.

“In questi 6 anni – rimarca Di Brizzi – De Luca ha costretti i turisti ad accedere al sito da porte secondarie compromettendone la fruibilità. Solo a marzo 2020 – ricorda in conclusione – a distanza di 6 anni, è arrivato il decreto di finanziamento per i lavori di messa in sicurezza dell’ingresso principale: la solita messa in scena pre-elettorale del centrosinistra, dovrebbero soltanto vergognarsi”.

Vincenzo De Luca: “Salvini venditore di cocco”

“Una comitiva di sfaccendati, esponenti della politica politicante, in questi giorni è andata in giro per la Campania a fare un po’ di demagogia. Volevano persino fare un giro turistico in un ospedale. Come ha spiegato il direttore della struttura, gli ospedali sono luoghi di sofferenza e di cura, dove non si vanno a fare passeggiate elettorali. In un momento in cui, per via dell’emergenza COVID, in alcuni casi non è concesso nemmeno ai familiari di poter entrare in ospedale a far visita ai propri cari, occorre rispetto per i malati”. Così commenta il governatore uscente della Campania, Vincenzo De Luca, la visita del leader della Lega, Matteo Salvini, all’ospedale di Salerno “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona”.

Lega Campania: “Offese a nostra candidata per colore pelle, razzisti”

“Vergognose e razziste le offese rivolte alla candidata alle regionali con la Lega, Cristine Mariam Scandroglio”. Lo dichiara Nicola Molteni, segretario regionale della Lega in Campania.”La macchina del fango sui social – ha aggiunto Molteni – non conosce sosta. Nel tritacarne mediatico ci finisce una nostra rappresentante: donna, professionista brillante, madre splendida e persona innamorata della città di Napoli e dei napoletani che sceglie la Lega per mettersi in gioco. Critiche non alle proposte, alle idee, alla azioni ma critiche dettate dal colore della pelle. Tutto questo è razzismo”, conclude Molteni. [Adnkronos]

Covid, Salvini: “De Luca indegno, si occupi della salute dei campani”

Il leader della Lega Matteo Salvini replica alle dichiarazioni del governatore della Campania.”Invece di ridere dei morti, l’indegno De Luca si occupi della salute dei campani. La Campania è prima tra le regioni del Sud per crescita dei contagi e ultima in Italia per numero di tamponi”. 

In un post su Facebook poi aggiunge:  “Invece di occuparsi di smaltire 5 milioni di ecoballe e tonnellate di rifiuti tossici, invece di riaprire i troppi ospedali che lui e la sinistra hanno chiuso, il signor De Luca passa il suo tempo a darmi del razzista e a infangare i morti. Disgustoso”.

Coronavirus, De Luca: “Faccio training autogeno per non rispondere a Salvini” (Video)

De Luca all’ospedale di Sapri

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, visita l’ospedale di Sapri per ringraziare anche questa struttura, il suo personale medico, infermieristico e amministrativo, per il lavoro fatto nei mesi scorsi durante la fase più critica dell’epidemia.

“Tutti insieme abbiamo dato una grande prova di tenuta organizzativa e anche di capacità amministrativa. La Campania è la regione che ha retto meglio di tutte l’emergenza COVID-19 e di questo dobbiamo esserne orgogliosi”, dice De Luca. E poi ironizza sull’atteggiamento nei confronti della Campania: “Ho deciso di fare training autogeno per non fare polemiche e non rispondere a nessuno, neppure a Salvini”.

Regionali Campania, De Luca: “Faccio training autogeno per non rispondere a Salvini”

Il governatore Vincenzo De Luca in tour stamane nel Cilento per inaugurare alcune opere pubbliche finanziate dalla Regione Campania. Prima tappa a Palinuro per visitare un impianto di depurazione. Poi a Marina di Camerota per festeggiare la conclusione dei lavori di un altro impianto di depurazione.

De Luca parla anche di altri finanziamenti e di emergenza coronavirus. A questo proposito, riferendosi al leader della Lega Matteo Salvini, dice: “Ogni tanto viene da Milano qualche squinternato a fare un po’ di razzismo contro Napoli e la Campania“. Ma per il il governatore della Campania “la verità è che oggi i cittadini campani camminano a testa alta”. 

Prima di pranzo De Luca visita l’ospedale di Sapri. Parlando di sanità ricorda che la Campania riceve meno fondi rispetto ad altre regioni. Ma il governatore ironizza: “Ho deciso di fare training autogeno per non fare polemiche e non rispondere a nessuno, neppure a Salvini”.

Regionali Campania, Salvini: manderemo De Luca a casa

Il leader della Lega, Matteo Salvini, ieri è tornato in Campania per sfidare Vincenzo De Luca, attualmente favorito nei sondaggi. “Noi giochiamo per vincere e non per partecipare. Ci sono tanti campani che a settembre parleranno in cabina elettorale”, ha detto a proposito del vantaggio del governatore uscente. “De Luca può fare battute divertenti, può strappare un sorriso, ma lascia un disastro di infrastrutture e di rifiuti. Ci sono intere zone in mano alla criminalità organizzata e quartieri abbandonati. Noi proponiamo un modello di buon governo – ha precisato – basato sulle necessità della Campania”.

Poi Salvini si è recato, con alcuni amministratori locali, al campo rom di Giugliano in Campania. “Sgombero e chiusura immediata di questo ghetto – ha detto il leader della Lega – per ripristinare legalità, sicurezza, ordine e rispetto delle regole. Censimento dei minori per garantire condizioni di vita umane e scolarizzazione degli stessi, stop a roghi tossici e illegalità. Chi è irregolare va espulso, chi è italiano o comunitario si cerca un lavoro e una casa come tutti gli altri cittadini nel rispetto della legge”.

Regionali: in Campania Caldoro candidato del centrodestra

Sarà Stefano Caldoro il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Campania che, alle prossime elezioni regionali, sfiderà il governatore uscente, Vincenzo De Luca. «Il centrodestra ha individuato la squadra migliore per vincere le elezioni nelle Regioni che andranno al voto a settembre e, soprattutto, portare il buongoverno in quelle che oggi sono male amministrate dalla sinistra», si legge nella nota congiunta dei leader nazionali del centrodestra. 

Alla fine il segretario della Lega, Matteo Salvini, ha fatto cadere le resistenze sul nome di Stefano Caldoro, il candidato espresso da Forza Italia in Campania, rinunciando a un nome nuovo per la corsa a Palazzo Santa Lucia. 

Napoli in festa per la Coppa Italia. Salvini contro De Luca: “Dov’era ieri sera?”

“Dov’era ieri sera il signor De Luca, quello che era pronto a usare i bazooka contro i milanesi e contro gli italiani che andavano in giro per Napoli e la Campania, si sarà addormentato?”. Commenta così Matteo Salvini a Mattino Cinque le immagini dei tifosi napoletani che, per tutta la notte, hanno festeggiato per strada la vittoria della squadra partenopea.

Un’occasione ghiotta per il leader della Lega che attacca frontalmente il governatore della Campania: “Siccome hanno rotto le scatole a me per la distanza e la mascherina, qui c’erano molte migliaia di persone. Son contento per Rino Gattuso e per loro, ed è un bel segno per Napoli, ma non possono condannare Salvini per un selfie”.

Schermaglie a distanza, per ora, tra il segretario della Lega e Vincenzo De Luca, ma la campagna elettorale sta entrando nel vivo in Campania.