Regionali, rebus nomi M5S: in Campania spunta ipotesi Tofalo

(Adnkronos) – E’ ancora rebus regionali per il M5S. Dopo la riunione alla Camera tra gli eletti liguri e il capo politico Vito Crimi, conclusasi con un nulla di fatto, domenica a Genova gli attivisti pentastellati si vedranno per dire la loro sul nodo alleanze: il giornalista Ferruccio Sansa resta in pole, qualora dalla base arrivasse il via libera a un progetto civico col Pd. Si dovrebbe tenere presto anche il summit dei campani con Crimi (inizialmente fissato per il 10 febbraio e poi slittato) per trovare la quadra in una Regione cruciale per il futuro del Movimento.

Finora sono solo due i profili emersi per una possibile candidatura alla poltrona di governatore: la consigliera regionale Valeria Ciarambino, dimaiana di ferro, e il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, quest’ultimo magari alla guida di una coalizione ‘civica’ che comprenda anche un Pd senza Vincenzo De Luca. Ma, stando agli ultimi rumors, nelle ultime ore in ambienti parlamentari starebbe circolando anche un altro nome, quello del sottosegretario alla Difesa Angelo Tofalo.

Salernitano classe 1981, governista, Tofalo vanta un buon rapporto sia con l’ex capo politico Luigi Di Maio che con il presidente della Camera Roberto Fico. C’era anche lui domenica 2 febbraio all’Hotel Ramada di Napoli, dove la maggioranza dei militanti ha detto no all’ipotesi di una corsa a braccetto coi dem.

“Ma si trattava di un campione non rappresentativo dell’intera massa di attivisti campani iscritti a Rousseau”, sottolineano fonti grilline. Come a dire che la partita delle alleanze – in Campania ma non solo – è tutt’altro che chiusa.

Sardine, Santori a Napoli il 18 febbraio

(ANSA) – Ci saranno anche Mattia Santori e Jasmine Cristallo in piazza a Napoli il 18 febbraio. Lo stesso giorno in cui in città, al teatro Augusteo, tornerà il leader della Lega, Matteo Salvini. Sarà un evento, spiegano le Sardine della Campania, che vedrà alternarsi su un palco artisti, persone e operai della Whirlpool Napoli che racconteranno della loro vertenza.

 C’è una “staffetta”, fanno sapere, che parte dal nord e viaggia verso Sud con un lenzuolo sul quale è disegnata “Tina la sardina” e, come dice Antonella Cerciello, “in ogni città si arricchisce di un oggetto”. Perché la meta finale è la Puglia: il 19, prima a Taranto e poi a Lecce. L’oggetto di Napoli sarà io simbolo della Whirlpool.

 “L’evento – si legge in un appello delle Sardine alla città – ci consentirà di condividere con la città questa esperienza: sarà un’ulteriore occasione per ribadire che Napoli non abbocca alla propaganda populista di chi che prova a venire sui nostri territori dopo. averli depredati: Napoli non si lega”.

Campania: Carfagna, serve candidato forte

(ANSA) – “Credo che bisogna uscire dal vecchio schema De Luca-Caldoro, sarebbe la terza volta che noi proponiamo agli elettori il match De Luca-Caldoro. Si potrebbe avanzare una candidatura più forte, più popolare. E’ chiaro che più passa il tempo più è difficile che questo accada”. Così Mara Carfagna (FI), parlando delle prossime regionali in Campania, arrivando alla prima riunione del comitato scientifico di Voce Libera.

“Credo – aggiunge la vice Presidente della Camera – che anzitutto bisogna privilegiare il valore dell’unità della nostra coalizione. Gli alleati mostrano qualche perplessità riguardo al candidato espresso da Forza Italia, perplessità che anche io avevo avanzato, se non altro perché è una candidatura che gli elettori avevano già sperimentato e si sono già espressi, una volta – conclude – con successo e una senza successo”.

Regionali:Costa, giusto si pronunci base

(ANSA) – “Le alleanze? Uno le chiama alleanze ma sono magari pezzi di vita da percorrere insieme, più che alleanze in senso stretto. L’elemento è che si passi da ‘contro il sistema’ a un percorso per un nuovo sistema, cioè devi portare i tuoi valori originali in un sistema che vuoi costruire”. Lo ha detto il ministro dell’Ambiente Sergio Costa commentando i dissensi sull’alleanza con il Pd della base del Movimento 5 Stelle emersi ieri a Napoli in vista delle elezioni regionali campane.

 “Il Movimento 5 Stelle fa il suo percorso – ha aggiunto – ed è giusto che la base si pronunci, perché il movimento nasce proprio dal senso della partecipazione dal basso e questo va salutato sempre con grande entusiasmo”. “E’ bella – ha commentato Costa – la partecipazione che c’è stata, ognuno ha avuto il tempo di proporre la propria idea, poi i livelli di cosiddetta alta politica vengono decisi nel Movimento e io lo osservo soltanto”.

Napoli, Lega a Scampia Sardine in piazza

(ANSA) – La Lega sceglie Scampia per la prima conferenza di un ciclo di riflessioni su Napoli e le Sardine si preparano a scendere in piazza contro il movimento di Salvini proprio a Scampia. Il partito di centrodestra sarà infatti il 6 febbraio alle 17 nella sala della Municipalità di Scampia per “Servizi, vivibilità e prospettive politiche per il cittadino” a cui parteciperanno alcuni dei vertici napoletani con il parlamentare Gianluca Cantalamessa e il candidato del centrodestra alle suppletive del Senato a Napoli Salvatore Guangi. L’iniziativa trova però una risposta dalle Sardine di Napoli che annunciano una manifestazione contro la Lega alle 16.30 nel piazzale della Metro di Piscinola-Scampia. “Ci riprovano – scrivono le sardine napoletane sui social – ancora una volta.

Dopo aver sottratto risorse al Sud per circa 30 anni, la Lega prova di nuovo a tornare sui nostri territori per chiederci il voto. È da Scampia che intendiamo riprendere il cammino delle sardine per ribadire che Napoli non si Lega”.